Torna sulla scena l’annessione dell'Ossezia del sud | Notizie Nazioni Unite non Rappresentate

Inglese Spagnolo Italiano Russo

Facebook   youtube   twitter UUN    Rotschild IT

Menu

Torna sulla scena l’annessione dell'Ossezia del sud

  • 25 Apr 14

03Dopo la situazione creata al confine orientale dell'Europa con l’annessione alla Russia della penisola di Crimea, seguita dai movimenti nel sud-est dell'Ucraina per rendersi indipendente da questo paese e allinearsi alla Russia, il Segretario generale della NATO, il danese Fogh Rasmussen, ha detto che la Terra, il Mare e l’Aria delle forze della NATO sono in allerta.
Il dirigente ha portato ad esempio 'il precedente creatosi' con l'annessione russa dell’Ossezia del Sud in Georgia, dopo la guerra dell'estate del 2008, e, dopo la svolta verso l'Occidente del suo governo. Secondo Rasmussen, "siamo dinanzi a un evento globale di coerenza genetica - in termini di organismo politico e ideologico-, concernente il governo della Russia. "Qualcosa che ha a che fare col desiderio di ripristinare, solo in termini di potere nazionale, il successo di potenza internazionale che era diventata storicamente l'Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche".
Fogh Rasmussen ha sferzato la Russia dicendo che "l’annessione dell’Ossezia del Sud, metabolizzata dall'Occidente in termini di normalità, è stata una sorta di prova generale, come si è ormai capito. Allora, come adesso, la NATO aveva mandato un cacciatorpediniere nel Mar Nero, ma senza conseguenze. Ora, non ci sono che misure di deterrenza dinanzi alla conferenza sull'Ucraina, che si svolge a Ginevra, con il governo di Kiev, tra Russia e occidente.
Non c'è dubbio che la NATO teme una frammentazione ancora più grande in Ucraina, dal momento che il colpo di stato che ha spodestato Yanukovich dalla Presidenza, è costato molti milioni di euro all’Occidente. Ed è ancora più timorosa, che si ripeta quanto successo nell'Ossezia del sud. Gli Stati Uniti e i suoi alleati della NATO faranno di tutto per impedirlo.