Legge indigena a Panama (1) | Notizie Nazioni Unite non Rappresentate

Inglese Spagnolo Italiano Russo

Facebook   youtube   twitter UUN    Rotschild IT

Menu

Legge indigena a Panama (1)

  • 31 Lug 13

indigeni-panama1Uno dei temi che è stato sempre in discussione e negoziazione nel campo del Diritto Indigeno nella Repubblica di Panama è stato il Diritto di Consultazione delle Popolazioni Indigene nei progetti da eseguire nei loro territori ancestrali, legalizzati o non, inclusi negli strumenti internazionali e gli orientamenti delle banche multilaterali.
Nonostante non abbia ratificato la Convenzione 169 dell'Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIT) nel 1989, Panama ha leggi che riconoscono e legalizzano i territori indigeni, dove esiste la maggior parte delle risorse della biodiversità. Negli ultimi anni le politiche economiche e le strategie geopolitiche dello Stato panamense, hanno guardato i territori indigeni, rispettando la Legge Indigena di Panama.
Come altri gruppi umani che abitano il territorio di Panama, i popoli indigeni godono gli stessi diritti e le libertà sancite nelle leggi nazionali e negli strumenti internazionali ratificati da Panama, ma questo non significa che essi hanno diritti speciali, per i propri modelli culturali che possiedono, che li distinguono da altre culture.
Dati non molto recenti indicano che più di 3 milioni panamensi, circa il 10%, appartenengono a otto popoli indigeni di Panama: Ngobe, Kuna, Emberá, Wounaan, Bugle, Naso, Bri-Bri e Bokotas, stabiliti principalmente in cinque contee: Comarca Kuna Yala, Comarca Emberá-Wounaan, Comarca Kuna de Madungandí, Comarca Ngobe-Bugle e Comarca Kuna de Wargandi. Queste popolazioni indigene di Panama occupano il 22,20% dei 74.926.77 chilometri² dell'istmo. (Continua)

1 | 2 | 3