La Catalogna deve decidere il proprio destino, dice UUN | Notizie Nazioni Unite non Rappresentate

Inglese Spagnolo Italiano Russo

Facebook   youtube   twitter UUN    Rotschild IT

Menu

La Catalogna deve decidere il proprio destino, dice UUN

  • 21 Nov 14

La Catalogna deve decidere il proprio destino dice UUN 2Le Nazioni Unite non Rappresentate (UUN, l’acronimo in inglese), attraverso il suo segretario generale e fondatore, Dr. Giovanni Caporaso Gottlieb ha dichiarato che la Catalogna deve decidere il proprio destino, dopo che Domenica 9 novembre, oltre due milioni di catalani convocati, hanno votato a favore della Catalogna indipendente dalla Spagna, e che il presidente catalano Artur Mas ha qualificato come un "completo successo."
La scheda conteneva solo due domande: vuoi che la Catalogna sia uno Stato? In caso affermativo: vuoi che questo stato sia indipendente? 1.861.753 persone hanno detto sì-sì (80,76%); 232.192 hanno votato Sì-No (10.07%), e solo il 4,54% (104.772 votanti) ha scelto NO in entrambe le risposte. In questa occasione, si sono recati alle urne 2.305.290 persone, su 5.000.000 di catalani aventi diritto al voto (su un totale stimato nel 2012 di 7.571.000 abitanti), il che indica il persistente elevato astensionismo, che ha caratterizzato le consultazioni del 2006 e del 2012.
Nel 2006, la Catalogna con diritto al voto, si divise in due metà: quella che votò a favore dell'indipendenza e l’altra metà, che votò contro, e questi ultimi superarono i primi, aggiungendo 61.000 schede bianche alla maggioranza. In totale 2.569.268 andarono alle urne.
A questo proposito, Nazioni Unite non Rappresentate, si è congratulato, per la tranquillità e la trasparenza con cui si è svolto il referendum, ricordando che la Catalogna soddisfa i criteri del diritto internazionale per il riconoscimento degli stati. "C'è un territorio, una popolazione, un governo", ha dichiarato il dottor Giovanni Caporaso, e continua, riferendosi all'articolo 1 della Carta delle Nazioni Unite non Riconosciute, in cui compare UUN, che si impegna a: "mantenere la pace e la sicurezza internazionale, e adottare misure collettive per evitare che la pace sia violata (...), riuscendo con mezzi pacifici e conformemente ai principi della giustizia e del diritto internazionale, a regolare o risolvere le controversie ... "
E’ bene ricordare che lo scorso 25 marzo la Corte costituzionale spagnola dichiarò fuori legge, il referendum di autodeterminazione in Catalogna, con una sentenza di annullamento della dichiarazione di sovranità del parlamento regionale della Catalogna, primo passo verso il referendum realizzato il 9 novembre scorso.
Il quotidiano spagnolo El Pais ha detto in prima pagina che "la Catalogna ha messo in chiaro che noi vogliamo governare noi stessi (...) Che nessuno lo dimentichi, nemmeno lo Stato spagnolo che la Catalogna vuole governare se stessa. Vogliamo decidere del nostro futuro politico e siamo abbastanza adulti per farlo ", riferendosi al discorso più e più volte ripetuto da Artur Mas.
In linea con i suoi principi fondamentali, Nazioni Unite non Rappresentate, chiede al Governo spagnolo che rispetti il diritto sovrano della Catalogna, a decidere il proprio destino, così come confermato dal recente referendum.