Il Parlamento britannico chiede il riconoscimento dello Stato di Palestina | Notizie Nazioni Unite non Rappresentate

Inglese Spagnolo Italiano Russo

Facebook   youtube   twitter UUN    Rotschild IT

Menu

Il Parlamento britannico chiede il riconoscimento dello Stato di Palestina

  • 29 Ott 14

U.K. pide reconocer PalestinaIl Parlamento britannico ha approvato una risoluzione storica e non vincolante, che chiede per la prima volta al Governo di riconoscere lo Stato di Palestina, ed è stata appoggiata da 274 deputati, con 12 voti contrari. E’ solo simbolico, in quanto non obbliga l'esecutivo di David Cameron, la cui posizione ufficiale è quella di sostenere i negoziati per una soluzione ai due stati.
Tuttavia, la decisione del Parlamento britannico ha effetti importanti sulla scena internazionale, l'importanza strategica del Regno Unito e del suo seggio permanente nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, e dopo il 3 ottobre la Svezia ha annunciato che sarà il primo membro dell'Unione europea (UE) di riconoscere lo Stato di Palestina, anche se la Slovacchia, l'Ungheria e la Polonia hanno già fatto, ma prima di entrare nel club europeo.
Le Nazioni Unite Rappresentata (Uun, per il suo acronimo in inglese), attraverso il suo Segretario Generale, Dr. Giovanni Caporaso Gottlieb, accoglie con favore la decisione del Parlamento britannico, in linea con più di 130 nazioni che hanno riconosciuto lo Stato della Palestina.
Il dibattito ha avuto luogo su iniziativa di un gruppo di deputati laburisti guidati da Grahame M. Morris. La risoluzione di votare e lesse: ". L'Assemblea ritiene che il governo dovrebbe riconoscere lo stato palestinese accanto allo Stato di Israele" La Camera dei Comuni ha 650 posti, di cui 257 corrispondono a lavoro.
Il Uun, seguendo la sua politica di rispetto per la pace, i diritti umani e la sovranità delle popolazioni, sostiene con forza tutte le azioni volte a risolvere il conflitto israelo-palestinese con mezzi pacifici, e che non sarà posto il veto del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite alla creazione dello stato palestinese.
Tuttavia, il primo ministro britannico, David Cameron ha avvertito che il riconoscimento della Palestina come Stato alla Camera dei Comuni non farà cambiare la politica sul conflitto israelo-palestinese. Davanti a questa decisione, le Nazioni Unite non rappresentato condannano tale atteggiamento, basato sulla creazione dello stato di Palestina a fianco di Israele, in grado di gettare le basi per una pace duratura nella regione, ma soprattutto perché per il Regno Unito è un'opportunità storica per correggere l'ingiustizia storica inflitta al popolo palestinese dal 1948, assumendo la propria responsabilità come ex Mandato di Palestina e per affermare il suo sostegno di principio e di libertà morale, la giustizia e il diritto dei palestinesi all'autodeterminazione.